Municipio Zero è il server autonomo dei Municipi Sociali di Bologna. Nasce da una riflessione sullo stato attuale della tecnologia, cerca di rispondere alla necessità di avere un meccanismo di espressione della nostra complessità, abilita l’agire autonomo ed indipendente sui nostri dati, ci permettere di sperimentare un nostro algoritmo politico, di costruire il nostro gemello digitale comune. È un cantiere aperto, uno spazio per la creatività e la sperimentazione politica. Insomma, siamo liberi e libere di sperimentare e conoscerci aldilà della nostra connettività analogica.

Ci hanno abituatə ad immaginare la tecnologia come un mezzo neutrale, uno strumento che guidato dalla razionalità umana può risolvere tutti i nostri problemi in maniera efficiente ed efficace. Ovviamente non è questo il caso.

Un software di monitoraggio delle prestazioni dellə lavoratricə non ha altro scopo se non abilitare nuove forme di controllo. Il pilota automatico di una bomba che riconosce la sagoma di una persona non ha altro scopo che la violenza. Non “dipende da come lo usi”. La tecnologia impone rapporti di potere e la responsabilità di creare una tecnologia liberatoria piuttosto che estrattiva ricade inevitabilmente su chi la tecnologia la *costruisce*.

Vogliamo conoscere di più la tecnologia ed usare i nostri saperi digitali per arricchire il nostro essere comune. 

Razzi accessi, piattaforma di lancio pronta, hello world.