La situazione abitativa a Bologna – Con contributi audio di A. Facchini, S. Gainsforth e Casa Vacante
In foto: Ostello politico in Casa Vacante, via Capo di Lucca , Bologna Novembre 2022 Con Casa Vacante abbiamo sperimentato nuove forme dell'abitare, e altre ne potrebbero nascere, ridando vita ad uno dei tanti cosiddetti "vuoti urbani". La stanza, oltre ad essere stata un "ostello politico" per compagni e compagne che sono transitate a Bologna in quei mesi per vari motivi (tra cui attivist* curd* e ucrain*), è stata protagonista di un laboratorio per l'efficientamento energetico degli edifici, applicato poi sulla stanza stessa, svolto da HTC Lab, progetto che ha visto muovere i suoi primi passi proprio nell'occupazione di via Capo di Lucca.

La situazione abitativa a Bologna – Con contributi audio di A. Facchini, S. Gainsforth e Casa Vacante

A cura di: LUnA - Laboratorio Universitario d'Autogestione “Le città cessano di essere fornitrici universalistiche di servizi alla cittadinanza e si pensano e agiscono come facilitatrici di processi di mercato.”…

Commenti disabilitati su La situazione abitativa a Bologna – Con contributi audio di A. Facchini, S. Gainsforth e Casa Vacante

E volgemmo gli occhi al cielo

Un tempo per la meraviglia alzavamo al cielo lo sguardo sentendoci parte del firmamento, ora invece lo abbassiamo preoccupati di far parte del mare di fango. Noi agricoltori ci mettiamo…

Commenti disabilitati su E volgemmo gli occhi al cielo

Oltre l’inganno della meritocrazia

Appunti del doposcuola di Làbas A seguito della vittoria alle elezioni del 25 settembre di Giorgia Meloni, quindi di Fratelli d’Italia, il 22 ottobre, è stato formato il nuovo governo…

Commenti disabilitati su Oltre l’inganno della meritocrazia

Note dall’Iran in sciopero contro il regime

Sanam Naderi, artista indipendente e attivista iraniana Paola Rivetti, docente del dipartimento di scienze politiche e relazioni internazionali dell'Università di Dublino In Iran la scorsa settimana è stato indetto uno…

Commenti disabilitati su Note dall’Iran in sciopero contro il regime